The Others

IMG_2943

di Federica Apa

Si è da poco conclusa la quarta edizione di The Others intitolata “The Wild Side” la fiera dedicata all’arte contemporanea emergente che esplora il lato selvaggio della creatività. Diretta per la seconda volta da Olga Gambari, con Roberta Pagani e Stefano Riba. La fiera nasce per rafforzare la ricerca di linguaggi in via di sperimentazione e dare spazio ad artisti e realtà ai margini dei circuiti istituzionali.  I protagonisti di The Others sono tutti gli operatori, profit e no-profit, che lavorano continuativamente su programmi dedicati a giovani artisti: gallerie, centri no-profit, associazioni e fondazioni, collettivi di artisti o curatori, artist-run-spaces, progetti editoriali, premi d’arte, residenze per artisti, scuole e accademie d’arte, librerie che si occupano di arte, spazi di design giovane ed autoprodotto, grafica d’artista. Come per le edizioni passate anche quest’anno la fiera si svolge nella suggestiva location delle ex carceri Le Nuove di Torino.

Tante le novità di quest’anno: accanto all’area espositiva, sono cresciute tre nuove sezioni: Otherstage (dedicata alle performance), Otherscreen (video) e Othersound (musica). The Others si conferma come centro fondamentale in cui le idee nascono, germogliano e crescono in completa autonomia, in cui le esperienze si incrociano e affermano fiere di esistere, tenendo ancora ben alto il focus su quello che ancora dovrebbe essere il dialogo sull’arte. Senza quasi accorgersene questa fiera è diventata un luogo in cui l’arte contemporanea cambia aspetto, presentandosi in forme più innovative e contaminate ma soprattutto più libere.